Attenzione! E' possibile che si verifichino problemi per la visulizzazione di questa pagina web con il browser in uso. Per un miglior utilizzo si consiglia di aggiornare il browser.
 

Corsi interaziendali

L'analisi per indici e per flussi dopo la riforma del bilancio e i nuovi Principi Contabili

Con il decreto legislativo n. 139/2015 sono state introdotte importanti novità in materia di bilancio di esercizio delle società che non adottano i principi IFRS, ossia la maggior parte delle società non quotate: in primo luogo, è stata modificata la sua composizione introducendo l’obbligo di redazione del rendiconto finanziario; sono stati innovati, in modo consistente gli schemi di stato patrimoniale e conto economico, con l’introduzione di nuove voci e i criteri di valutazione di alcune voci, come l’avviamento e gli strumenti derivati; sono stati eliminati i conti d’ordine.

La riforma introduce, inoltre, importanti semplificazioni per alcune categorie di soggetti, alleggerendo le micro-imprese dall’incombenza amministrativa della redazione del bilancio.

Le nuove regole civilistiche decorrono dai bilanci 2016 e manifestano effetti non solo nei confronti di chi redige il bilancio, ma anche di chi lo analizza per valutare l’affidabilità dell’azienda richiedente: per l’analista del credito diventa, quindi, necessario valutare la portata di queste novità, anche alla luce della riscrittura dei principi contabili nazionali aggiornati dall’Organismo Italiano di Contabilità.


Obiettivi

  • Identificare gli elementi di novità nella struttura e composizione del bilancio introdotti dalla riforma
  • Valutare gli impatti che la nuova disciplina genera sulla riclassificazione dei prospetti di bilancio e il sistema di indicatori utilizzati per l’analisi di bilancio
  • Identificare le novità intervenute con l’emanazione dei nuovi principi contabili nella valutazione delle principali poste di bilancio
  • Identificare e strutturare l’analisi per flussi anche alla luce delle novità valutative

Destinatari

Analisi del credito, Responsabili e addetti fidi, Gestori corporate


Programma didattico

Argomenti principali

  • I modelli di bilancio introdotti dal D.Lgs. 139/2015 e l’aggiornamento dei nuovi principi contabili
  • Nuovi criteri di valutazione delle voci di Stato Patrimoniale
  • Le novità del Conto Economico
  • Analisi di bilancio: come cambia il modo di valutare alcune informazioni in ottica creditizia
  • L’analisi quantitativa storica – Dall’analisi di bilancio all’analisi finanziaria.
  • La visione integrata e formalizzata del ciclo finanziario aziendale: lo strumento del rendiconto finanziario
  • Disamina di casi pratici

Giorno 2

I modelli di bilancio introdotti dal D.Lgs. 139/2015 e l’aggiornamento dei nuovi principi contabili

  • Bilancio in forma ordinaria, bilancio in forma abbreviata, bilancio delle microimprese
  • Analisi della revisione dei principi contabili ed il ruolo dell’OIC
  • Il principio della rilevanza e della sostanza economica (OIC 11): gli effetti sulla regolare tenuta della contabilità
  • La gestione delle norme transitorie: quali impatti ci saranno in termini di discontinuità con i ‘vecchi’ bilanci

Nuovi criteri di valutazione delle voci di Stato Patrimoniale

  • Il costo ammortizzato per crediti, debiti e immobilizzazioni finanziarie:
    • le differenze tra piccole e medie imprese
    • le indicazioni dell’OIC
    • la gestione dei problemi operativi in sede di valutazione del merito creditizio
  • I costi di ricerca e di pubblicità e le relative problematiche gestionali
  • Le novità delle altre immobilizzazioni immateriali
  • Le problematiche relative alla contabilizzazione delle immobilizzazioni materiali
  • Le previsioni in tema di fondi rischi ed oneri
  • Il trattamento contabile dei derivati: analisi delle nuove regole, determinazione del fair value, le operazioni di copertura
  • Modifiche nelle voci del patrimonio netto
  • Eliminazione dei conti d'ordine: impatti nella nota integrativa
  • Le problematiche IRES e IRAP connesse alle nuove regole di bilancio
  • Leasing finanziario: criterio finanziario e nuove modalità di rappresentazione

Le novità del Conto Economico

  • Il trattamento dei derivati
    Le novità sugli oneri finanziari
    La problematica connessa all’eliminazione dell’area straordinaria di reddito

Analisi di bilancio: come cambia il modo di valutare alcune informazioni in ottica creditizia

  • Le nuove informazioni richieste nella predisposizione del bilancio:
    • come cambia la documentazione da analizzare
    • le informazioni integrative da richiedere ai fini di una corretta riclassificazione
    • dove e come cambia l’attività di riclassificazione del bilancio
  • Il problema della ‘normalizzazione’ dei bilanci storici per una corretta analisi nel tempo
  • Le novità sull’analisi economica e patrimoniale
    • quali sono gli impatti sugli indici utilizzati per valutare l’equilibrio economico
    • le rettifiche da effettuare per valutare l’equilibrio patrimoniale
  • Griglia valutativa sugli impatti quantitativi e qualitativi sugli indici di bilancio utilizzati 

L’analisi quantitativa storica – Dall’analisi di bilancio all’analisi finanziaria.

  • La lettura della dinamica finanziaria dell’impresa volta a coglierne il suo momento attuale
  • Le condizioni di intervento: trattamento dei dati di bilancio, individuazione delle misure rilevanti e lettura integrata “a modello”
  • Il concetto di flusso di cassa (CF) e le sue diverse definizioni.

La visione integrata e formalizzata del ciclo finanziario aziendale: lo strumento del rendiconto finanziario

  • Una prima applicazione nel solco della visione bilancistica: il RF secondo l’applicazione del principio contabile OIC10. Analisi delle caratteristiche; limiti e considerazioni critiche.
  • Il RF secondo lo schema CE.BI.: analisi delle caratteristiche; limiti e considerazioni critiche.
  • Una diversa visione dei dati aziendali: la riclassificazione di bilancio secondo i principi dell’analisi finanziaria:
    • Il concetto di capitale investito netto (Cin) e quello di struttura finanziaria (SF).
    • Analisi dei criteri di composizione dei due aggregati.
  • Verso l’effettiva esigenza conoscitiva della banca. Il cash flow statement per l’analisi finanziaria:
    • Analisi delle caratteristiche e strutture interpretative dei diversi livelli di CF.
    • Comprensione, interpretazione e benefici conoscitivi per l’analista di credito. 

Disamina di casi pratici